Il 19 Settembre 2020, in una Union Square praticamente deserta a causa della prima pandemia mondiale dell’era tecnologica, è stato svelato al mondo il Climate Clock che segna inesorabile il tempo rimanente prima del temuto punto di non ritorno.

7 anni, 102 giorni, 12 ore e una manciata di minuti: questo è il tempo che segnava il display di questo enorme orologio digitale al momento del suo avviamento, il tempo rimasto prima di finire le nostre riserve di emissioni di CO2, terminate le quali il viaggio verso l’Apocalisse climatica sarà irreversibile. E adesso, mentre stai leggendo queste righe, in qualsiasi tempo tu le stia leggendo, una cosa è certa: quel tempo è sempre più vicino.

Ci eleggiamo a specie dominante eppure siamo l’unica specie esistente che distrugge e prosciuga sistematicamente il proprio habitat, incurante delle conseguenze a breve e lungo termine, priva di capacità progettuale, priva di empatia, priva di senso di autoconservazione. 

Ma la specie umana è allo stesso tempo munita di sorprendenti doti di rigenerazione e, spesso, è capace di reinventarsi, alla ricerca di incredibili soluzioni che riparino i danni che lei stessa ha causato. O almeno ci prova.

Come facenti parte di questa specie ci siamo armati della nostre dose genetica di ottimismo e ci siamo chiesti, onestamente, cosa potessimo fare nel nostro piccolo come esseri umani e, in questa sede, come azienda.

Come azienda di stampa ci stiamo orientando sempre di più ad una politica aziendale sostenibile e quest’anno abbiamo deciso di scendere in campo in modo concreto, mettendo al servizio di una giusta causa la nostra sensibilità e la nostra tecnica.

Time to change è un progetto senza scopo di lucro che si è posto come obiettivo la realizzazione di un calendario i cui proventi, escluse alcune spese vive di stampa, saranno devoluti ad un’associazione che si occupa attivamente ogni giorno di cambiare il mondo: The Ocean clean up.

Ma non ci siamo accontentati di un calendario qualsiasi. Abbiamo scelto di dare forma ad un prodotto di qualità, stampato interamente con materiali e tecniche sostenibili, un oggetto di design unico, frutto del talento di 12 artisti che hanno prestato la loro opera totalmente pro bono a sostegno di una causa che hanno abbracciato senza esitazioni.

Questa prima edizione di Time to change vede avvicendarsi mese dopo mese le opere di illustratori, designer, tatuatori, writer, graphic designer che hanno interpretato la loro personale visione su vari aspetti di questo preciso momento storico, interrogandosi su tematiche differenti ma uniti nell’intendere cambiamento come azione concreta e necessaria. 

Ogni mese un’idea, l’interpretazione di un concetto, un’immagine che ci aiuti a  razionalizzare il tempo che passa accompagnati dall’idea stessa di tempo, dall’idea di cambiamento, che deve pervaderci come esseri umani e cambiarci come specie, prima che sia troppo tardi.

Gli artisti che hanno contribuito.

Elisa Cianferoni

Erica
Zipoli

Simone Razzano

Milly Zecchinato

Marta del Fabbro

Lady
Sadness

Marta
Signori

Caterina Bellato

Alice
Borin

Alberto Panegos

Martino Caramanti

Divano
Design

ACQUISTA Sostieni il cambiamento.
Menu